Tutti pazzi per il……MANGO

0
Maggio, Mese pieno di “M” qui a Mazunte, Mexico. Come Maggio appunto, come Mamma perché in questo  Mese si celebra il suo giorno,  come Mar de fondo, ovvero Mareggiate con onde Mollto alte, come Molto caldo perché siamo intorno ai 45 gradi, Ma soprattutto “M” come Mango.

Mareggiate a Mazunte

Mareggiate a Mazunte

Ricordo quando vivevo in Italia il mio rapporto non proprio idilliaco con questo frutto, un pó troppo filoso e con un finale un pó troppo acuto per i miei gusti. Ero giovane (nemmeno tanto), e con qualche pregiudizio.

Il Mango qui, e continueró a nominarlo con la M maiuscola, è allo stesso tempo una esperienza mistica che ti da gioia all’anima ed una goduria terrena che soddisfa le tue papille.

Dimenticatevi il Mango acquistato dal vostro ortolano di fiducia, o nella grande distribuzione, parlo di Ataulfo, una varietá che filosa non è, che ha la consistenza di una pesca ma un gusto più avvolgente…. un nocciolo più piccolo delle altre varietá e il colore dell’albicocca matura.

Mazunte, il mio paesello sulla costa del Pacifico,  ne è piena, per cui in questo periodo gli alberi che sono presenti in ogni casa che si rispetti donano agli abitanti e turisti, una messe abbondante, deliziosa e continua per un paio di mesi, poi arriveranno le piogge che faranno cadere gli ultimi, e la magia si ripeterá l’anno successivo.

Mazunte...manghi e iguana

Mazunte…manghi e iguana

Ho parlato dell’ Ataulfo perché è il mio preferito, ma il panorama locale offre altre varietá interessanti, come il petacon un megaMango che arriva a pesare 1 kg. ed oltre, un buon sapore e quasi per niente filoso, il Manila che è parente dei manghi che troviamo in Italia, ottimo per chutney, e che qui mangiano a fette coperte di peperoncino. 

Ci sono poi altre varietá minori come produzione ma incredibilmente buone,  alcune con sapore di pesca, altre molto filose ma con un succo perfetto per un Bellini tropicale.

Chiaramente il mio menu in questo mese rispecchia il momento di amore tardivo per questo frutto, per cui lo propongo  in vari momenti.  Uno dei miei preferiti é  un antipasto composto da una base di rucola, carpaccio di spada marinato prima a secco e poi qualche minuto con un mix di arancia e lime, e piccole losangue di Mango ataulfo  in cima, con un condimento di olio al basilico, una puntina di aglio, sale e pepe.

Carpaccio di spada a mango

Carpaccio di spada a mango

Mousse, sorbetto, coulis per la panna cotta, lassi,  e pure come guarnizione al cheese cake, sono mille gli utilizzi succulenti di questo frutto. Ma è talmente buono che la ricetta migliore rimane questa: 

Appoggiate il vostro Mango sul tagliere, tagliatelo alla metá facendo scorrere la lama lungo il nocciolo, poi incidete delle righe ad 1 cm. di distanza l’una dall’altra, fatelo pure nel verso opposto in modo da creare dei rombi, a questo punto  tenendo la fetta per i lati, spingete leggermente al centro da lato buccia, ed otterrete un meraviglioso guscio di tartaruga composto da deliziosi cubetti di Mango.  Da sgranocchiare all’istante.

Se poi non avete coltello e voglia di sporcarvi le mani, esiste la versione da passeggio, la più in voga in questi giorni di abbondanti messi, dovete solo cogliere o raccogliere il vostro mango, massaggiarlo ben bene, la buccia è bella spessa per cui non si aprirá, poi un morso per togliere la buccia in cima, ed iniziate a succhiarlo. Io preferisco la consistenza del cubetto, dopo averlo tenuto in frigo, ma a molti piace piu la versione da lecco…. Peró,  come vedete,  ce n’è per tutti i gusti, qualunque sia la vostra fantasia, il piacere è assicurato!

Spiaggia di Mazunte

Spiaggia di Mazunte

Alessandro Moretti
Da quasi venti anni vive in Messico, a Mazunte sul Pacifico messicano a pochi chilometri da Puerto Escondido.
Con il suo spirito imprenditoriale e con un bel bagaglio di esperienza come cuoco in Italia si è creato il suo ristorante “Alessandro” con il quale non ha avuto difficoltà a raggiungere il primo posto su Trip Advisor.
Dal suo “paesello” ci invia notizie e informazioni di cultura enogastronomica messicana.

Alessandro Moretti

Alessandro Moretti

Condividi.

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA