Gianni Massone ci racconta Santa 10 e Santa Subito i suoi vini che presenterà al Florence Wine Event del 10 e 11 novembre

0

Il Dott. Gianni Massone è il titolare dell’Azienda Agricola Santa Regina che conduce con molto entusiasmo e determinazione da alcuni anni, ci racconta la sua storia:

Nel 2003 mia madre mi cedette tutti i terreni agricoli di famiglia; decisi così di reimpiantare i vigneti che avevano più di cinquanta anni e di restaurare le antiche
cantine sotto la torre.
Durante i lavori di restauro nei sotterranei, fu scoperta una seconda cantina risalente al 1400, ideale per le mie botti.
Così nel 2007 ho ottenuto la mia prima produzione di vino rosso naturale, sfruttando i terreni ricchi di tufo (la terra gialla di Siena) e ristudiando i metodi di
vinificazione dei miei nonni.

Santa Regina è una piccola azienda agricola di 8 ettari, con 1 ettaro e mezzo di vigneto e 430 piante di ulivi. E’ una azienda vitivinicola nel Comune di Siena.
Il terreno è tufaceo e sabbioso. La vigna è stata reimpiantata nel corso del 2003 e 2004 con prima vendemmia nel 2007. Seguiamo metodi di agricoltura naturale, quindi senza utilizzo di pesticidi o additivi chimici, senza concimazione del terreno, senza uso di lieviti aggiunti, senza filtrare il vino, senza utilizzo di pompe elettriche nell’imbottigliamento, effettuando la maggior parte delle lavorazioni manualmente.
La vinificazione avviene in acciaio nella cantina ricavata nei sotterranei della torre di avvistamento medievale del podere. L’invecchiamento viene effettuato per 12-15 mesi in botti da 10 hl di rovere francese e di slavonia costruite in Austria, segue un affinamento in bottiglia per 6-12 mesi. L’imbottigliamento avviene anche in bottiglie da 1,5 l per un miglior affinamento.

Lei non nasce viticoltore, coniuga con questa attività anche un altro lavoro….

Durante il giorno, faccio il commercialista (consulente fiscale) e mia moglie insegna matematica all’Università, ho comprato un trattore FIAT 605 usato di venticinque anni e la mattina all’alba sono a lavorare nella vigna. La sera torno a casa e mi tolgo la cravatta prima di andare a lavorare in cantina.il risultato è che adesso ho raggiunto una produzione di circa 6.000 bottiglie con la produzione del ‘Santa10’ 2008 e del ‘SantaSubito’ 2010 e inizio a farlo conoscere nel mondo.
 Tutto questo sono riuscito ad avviarlo con l’aiuto di Elisa, mia moglie, che ha condiviso il mio entusiasmo e in contemporanea ha avviato un’attività di B&B (bed and breakfast) nella nostra casa.

E ora le schede tecniche dei vini che saranno in degustazione il 10 e 11 novembre al Florence Wine Event preesso ex Tribunale di Firenze.

Santa10
Vino rosso (I.G.T.)
Vendemmia: 2009
Zona e comune di produzione: Località Santa Regina, Comune di Siena – Toscana centrale
Uve: Sangiovese 70%, Petit Verdot 15%, Cabernet Sauvignon 15%
Esposizione: sud-Ovest
Altimetria: 250 metri s.l.m.
Tipologia di terreno: tufo e sabbie con fossili di origine marina
Sistema di allevamento: Guyot con un tralcio
Densità di allevamento: 4.300 ceppi per ettaro
Età media delle viti in produzione: 8 anni
Resa per ettaro: 40 quintali di vino
Epoca di vendemmia: Fine di Settembre
Materiale vasche di fermentazione: Vasche da 25/30 hl in acciaio inox
Vinificazione: Pigiadiraspatrice a rulli; fermentazioni separate sulle bucce per 15/20 giorni; fermentazione malolattica in botti di rovere da 10-12 hl
Interventi enologici: rimontaggi giornalieri manuali
Capacità dei fusti di invecchiamento: 10-12 hl
Durata di invecchiamento: 15/18 mesi in botte di rovere di Slavonia e francese (Produttore botti ‘Pauscha’)
Affinamento in bottiglia: 6 mesi
Gradazione alcolica: 13%
Produzione di questo vino: 4.000 bottiglie
Caratteristiche di questo vino: Equilibrio tra alcol e acidità; ph elevato che riesce a mantenere il vino con note al naso di grande freschezza; in bocca predominano i frutti rossi del sangiovese, a cui seguono i sentori speziati del petit verdot. Il cabernet fornisce struttura ed armonia al vino, offrendo anche un colore intenso.

SantaSubito
Vino rosso (I.G.T.)
2011
Zona e comune di produzione: Località Santa Regina, Comune di Siena – Toscana centrale
Uve: Sangiovese 20%, Canaiolo 20%, Ciliegiolo 20%, colorino 20%, trebbiano 20%
Esposizione: Ovest
Altimetria: 250 metri s.l.m.
Tipologia di terreno: tufo e sabbie con fossili di origine marina
Sistema di allevamento: Guyot con un tralcio
Densità di allevamento: 4.300 ceppi per ettaro
Età media delle viti in produzione: 8 anni
Resa per ettaro: 40 quintali di vino
Epoca di vendemmia: Metà Settembre
Materiale vasche di fermentazione: Vasche da 25/30 hl in acciaio inox
Vinificazione: Pigiadiraspatrice a rulli; fermentazioni separate sulle bucce per 10/12 giorni; fermentazione malolattica in vasche in acciaio inox da 20 hl
Interventi enologici: rimontaggi giornalieri manuali
Capacità dei fusti di invecchiamento: 20 hl
Durata di invecchiamento: 6/8 mesi in vasche in acciaio inox da 20 hl
Affinamento in bottiglia: 3 mesi
Gradazione alcolica: 13%
Produzione di questo vino: 2.000 bottiglie
Caratteristiche di questo vino: ph elevato che conferisce vinosità e freschezza al naso ed in bocca; predominano i frutti rossi con note asciutte di inchiostro; la morbidezza del trebbiano si sposa con il ciliegiolo, conferendo profumi floreali in chiusura.

Condividi.

L'autore

Promowine News Rivista on line di Riccardo Chiarini Il vino, il cibo, gli eventi e altro ancora...

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA